Coltivazione marijuana sentenza assoluzione Tribunale Roma n. 5490/18 del 18 aprile 2018

4

Il Tribunale di Roma con sentenza n. 5490 del 2018 ha assolto l’imputato A.M., difeso dall’avv. Letizia Quintiliani, dai reati a lui ascritti (capo A detenzione a fini di spaccio di grammi 21,5 di marijuana e 42,5 di hashish e capo B coltivazione di 14 piante di marijuana, 8 delle quali già in fioritura e alte oltre un metro), perché il fatto non sussiste.

L’allarmante quadro indiziario al momento dell’arresto (droghe diverse, bilancino, denaro in cassaforte, bustine cellophane)  veniva confutato nel corso del processo con rito ordinario attraverso l’introduzione di importanti elementi probatori di segno contrario, che hanno portato a ritenere la destinazione della droga ad uso esclusivamente personale. Ciò in ragione delle precarie condizioni di salute dell’imputato e della documentazione medica prodotta. Inoltre, in considerazione delle dichiarazioni dell’imputato, ritenuto attendibile nel suo spiegare le motivazioni sottese alla scelta di coltivare la sostanza,in particolare con l’intento di evitare contatti con gli ambienti malavitosi dai quali avrebbe dovuto approvviggionarsi.

La difesa ha poi provato documentalmente la provenienza lecita del denaro rinvenuto.

Il vero problema era rappresentato dalla coltivazione, che per il nostro ordinamento secondo orientamenti giurisprudenziali maggioritari, è reato punito comunque, a prescindere dall’uso personale, in quanto potenzialmente idoneo a ledere la salute pubblica.

Il Giudice invece non si è fermato all’astrattismo normativo ed ha accertato in concreto, nel caso specifico, la inoffensività della condotta, in quanto non idonea a ledere il bene giuridico protetto dalla norma, ossia la salute pubblica (sulla scia di altre sentenze e richiamando esplicitamente Cassazione 3, n. 36037 del 22.2.2017).

Il conclamato uso esclusivamente personale e l’entità della coltivazione possono escludere l’antigiuridicità della condotta tipica in quanto inidonea -in concreto- a determinare la possibile -in astratto- diffusione della droga.

Blog Attachment
  • coltivazione-serra

Related Posts

Leave us a reply